La rinoplastica funzionale

Il naso costituisce la porta d’accesso delle vie respiratorie profonde

“Vista basale pre e postoperatoria di deviazione del setto nasale con grave ostruzione insieme a trattamento estetico della punta”.

Il naso costituisce la porta d’accesso delle vie respiratorie profonde ed esercita almeno tre funzioni essenziali, indispensabili per una corretta respirazione: la umidificazione, il riscaldamento e la filtrazione dell’aria.
Alcune alterazioni di natura congenita quali una insufficienza della valvola nasale interna (il punto più stretto dell’intero albero respiratorio) o la deviazione del setto nasale, così come altre di natura acquisita quali traumi o precedenti interventi, possono mettere fortemente in crisi la respirazione nasale.
La ostruzione delle prime vie aeree comporta sempre un marcato peggioramento della qualità della vita con fastidio continuo, limitazione delle attività fisiche e possibili disturbi del sonno.
Da non sottovalutare che anche l’iposmia, (ovvero la diminuzione dell’olfatto) può riconoscere una genesi ostruttiva nasale, ed essere migliorata da una rinoplastica funzionale.
Da tenere presente che l’olfatto è forse il più sottovalutato dei cinque sensi e che ci capita spesso di sottostimare quanto sia importante percepire correttamente quegli stimoli odorosi in grado di influenzare così profondamente anche il gusto e la percezione dei sapori.
Qualora sussistano e vengano documentate una o più delle condizioni di cui sopra, la settorinoplastica funzionale serve a correggere un serio problema di salute e viene equiparata a qualsiasi altra malattia. La rinoplastica funzionale può essere effettuata all’interno del sistema sanitario nazionale ed è certamente compresa tra le patologie rimborsabili dal vostro piano assicurativo, se ne avete uno. Per avere indicazioni sulle diverse forme di assistenza nella rinoplastica funzionale vai qui (contatti).